Trascurate Milano di Luca Ricci La nave di Teseo ed.

Sulle orme di Poe, Maupassant, Checov ma anche Pirandello, Svevo, Moravia, Bassani, Buzzati, Luca Ricci ci offre ancora la sua arte del racconto, questa volta lungo e intenso. Ne emerge la quotidianità, non secondo “il principio dell’iceberg” di Hemingway, in cui gran parte di quello che sta accadendo viene sottinteso, ma con schiettezza e verità”,…

Autostop per la notte. di Massimo Anania .Miraggi edizioni

Romanzo di esordio di Massimo Anania, che non lo nego, mi ha creato non poche incertezze all’inizio, dato il mio annoso, dichiarato più volte, scarso se non nullo amore per il genere (giallo e affini). Una mia personale manchevolezza, un difetto grandioso, un pregiudizio che restringeva non poco il panorama delle mie letture. Superate le…

Bella mia -Donatella di Pietrantonio – Einaudi

Recensione di Giuliana Sonnati Anche il terremoto non guariva,era un’epilessia profonda della terra insorta da un momento all’altro e non smetteva più . La lettura di questo libro,rispetto agli altri dell’Autrice, attrae come una calamita e conduce senza soluzioni di continuità,fino in fondo,fino all’ultimo rigo. Cattura per portare oltre quella intensa commozione grazie alle parole,che…

Meet me alla boa -Paolo Stella

Lo dichiaro: ho letto questo libro attratta in primis dalla copertina, un’immagine fresca, estiva, due teste di giovani ragazzi, che emergono da un mare azzurro.In mezzo una boa. Devo anche aggiungere che ero molto incuriosita dal “personaggio” Paolo Stella come Autore,non conoscendolo in questa veste. Non sono rimasta affatto delusa da quella copertina, come mi…

I difetti fondamentali.di Luca Ricci.ed Einaudi recensione di Giuliana Sonnati.

Ancora una volta,mi trovo a leggere un autore a rebours,subito dopo averne apprezzato l’ultima opera( Gli autunnali) Ne “I difetti fondamentali,ritrovo l’abile penna di Luca Ricci alle prese con una descrizione cinica, esagerata, quasi caricaturale, surreale e allo stesso tempo un po’ realista di quattordici tipologie di scrittori ,con quel mondo che ruota intorno a…

Berta Isla di Javier Mariás.recensione di Giuliana Sonnati.

Storia di un matrimonio e del suo tempo,condiviso solo in parte,lacerato dai dubbi amletici della non conoscenza. É ancora una volta il tempo,tema ricorrente per l’autore che “continua ad avanzare e ad agire, non solo sul nostro corpo, ma anche sulla nostra coscienza” “a lui non importa se dormiamo profondamente oppure siamo svegli e all’erta”…

“Gli autunnali” Romanzo di Luca Ricci .recensione di giuliana sonnati.

“Non restava che l’autunno …quel quarto di anno libero –libero in primis dal dogmatismo del meteo (quando faceva troppo freddo o troppo caldo le possibilità esistenziali si riducevano automaticamente) –in cui ognuno poteva essere come gli pareva, assumere la forma che preferiva.” Si legge tutto in una notte, trascinati dal ritmo dell’abile penna dell’autore, dallo…

LA RAGAZZA.di Giulio Piero Baricci

8* Puntata ( finale) Il guardiacaccia Maso, quella volta, se la vide davvero brutta. Gli amputarono la gamba sinistra all’altezza del ginocchio e la scampò. In seguito raccontò di essersi ferito da solo per un colpo partito accidentalmente dal suo fucile. I contadini non ne rimasero troppo convinti e anche la versione dell’unica testimone non…

LA RAGAZZA.Racconto breve di Giulio Piero Baricci

3*Puntata Il sor Elfo e la moglie sora Gemma avevano un’unica figlia che si chiamava Tosca. Donna Tosca era sposata al nobiluomo biturgense Arrigo Granai, ma il loro non fu un matrimonio d’amore. I due non ebbero figli e, dopo una breve convivenza, ognuno andò a stare per conto proprio, lei in val di Chiana…

LA RAGAZZA. Racconto breve di Giulio Piero Baricci

2*Puntata La tenuta mezzadrile delle Ferriere, situata nella bassa val di Chiana senese, aveva cambiato proprietà di recente e a quel tempo apparteneva al banchiere fiorentino Fidelfo Giannozzi detto sor Elfo. La fattoria e la villa padronale stavano in alto, sul crinale di Valiano esposto a occidente. Forse l’abitazione dei padroni si trovava un po’…

La RAGAZZA .Racconto breve di Giulio Piero Baricci

Questo racconto ha vinto meritatamente il 1 premio Tagete 2017, ad Arezzo, per la narrativa inedita. Si tratta di una ‘novella’ ambientata in Valdichiana, in quella campagna pianeggiante che era stata un tempo sommersa dalle acque, un vero acquitrino del sud senese, risanata dai Lorena con le colmate, fatta ora di canali, greppi, grandi poderi…

Pinocchio in Emojitaliano. di F.Chiusaroli, J.Monti, F.Sangati.recensione di G.Sonnati’

C’ero anch’io su Twitter, quel mattino di Febbraio 2016, quando con meraviglia vidi scorrere in alcuni brevi messaggi , al posto delle consuete parole , solo emojii indirizzati a @FChiusaroli di #scritturebrevi. Quel giorno la Prof. Chiusaroli, Docente di Linguistica all’Università di Macerata, aveva fissato il suo primo tweet: “c’era una volta un re…” Incuriosita,…

All’amico Sergio.di Giuliana Sonnati.

Mi trovo a ripercorrere con qualche frame, la storia della nostra lunga amicizia. Un flashback, io giovanissima, barche a vela vicine, progetti di viaggi infiniti, e …finiti come quella volta contro uno scoglio alla Maddalena… Non vi trovavamo più, tu e tua moglie Loredana eravate sempre più veloci,sempre più avanti… Ci chiedevamo”ma dove saranno i…

Odore di miele. di Sergio Borghi

stordisce la danza delle api profuma il vento stordisce la danza delle api consuma ceri Domina la pazzia i sogni d’amore Prima che il sole canti il giorno aspetto il ritorno del sonno perso tu c’eri dentro ora mi manchi Ma non ti cerco so dove sei odore di miele mi sazi eccome ! Pazzo…

Tramonto.di Sergio Borghi

camminava dietro il sole lento e poi la sera come fosse incanto si costruiva un mondo interamente suo per riposarci dentro c’erano folletti e fate che giravano in tondo senza perdere il ritmo de l’incantamento era sempre felice tanto troppo…. un giorno è morto

The End. di Sergio Borghi

incolti clivi maturano vipere e serpi nel sole infida salita per sassi roveti subdoli pensieri parole da mercato coperto  tagliano promesse e amori sperata incute panico la cima dritta del colle lassù cercavo ……….”l’infinito” c’era soltanto il vuoto attorno

Resta . di Sergio Borghi

tormentate viuzze dificili  scalano il cielo ferite per volute lente  tra le stelle amore mortifica  sfinisce attento ! Dalle nuvole al tramonto quando il fucsia tenta rosa diventa la foglia per contrasto  miscreduto affetto  Propaggini del cuore del desiderio possesso avviluppano stimolano l’impossibile amplesso Rimani in bilico amore saltimbanco

Ti aspetterò .di Sergio Borghi

passa la Luna  e lenta coglie di luce un velo intriso di stelle  con tele di ragno Sommessi violini suonano in si bemolle inni sacri e lamenti confondono la notte Invocano l’amplesso ardenti sentimenti Ti aspetterò a lungo sulla via dei penitenti Voglio viverti accanto Finché mi senti !

Indifferenza. di Sergio Borghi

Un muro invalicabile l’indifferenza castello dell’impossibile nascosto assurda difesa dello specchio Non mi guardo e scanso con sufficienza le pretese inutilmente attese Individualità  perenne cicatrice dell’anima esclusivo orgoglio di guerre combattute vinte e perse di nascosto con se stessi Appartiene al tempo la risposta ogni domanda diventa assurda  un attimo dopo, tant’era prima importante Perchè…

Pensami.di Sergio Borghi

pensami  quando puoi sempre come se miracolo assurdo diventasse ancora più infinito il mare così quanto l’amore Vorrei naufragare nella tempesta irta come barca nell’onda Appartenerti nel fondo tra posidonie ondeggianti …….tenera Sirena  amante mia senza rimpianti né astiosi rimorsi pensami

Ribalta. di Sergio Borghi

È una ribalta la vita dentro a soggetto  interpretiamo …ognuno il nostro personaggio dove e come siamo d’insoliti panni vestito dal tracimato bagaglio  d’esperienze consunte personaggi senza autore

Lontano dai tuoi pensieri .di Sergio Borghi

………. quando mi leggerai sarò gia lontano dai tuoi pensieri rifugiato dentro i miei…. E tu sai vero come diversi nascono dentro i significati ….. i tuoi severi dai miei inventati Covoni di sofferti momenti  mietuti in tempi alternati Vedi impossibili parole  scambiate monete …….. al mercato dei sentimenti Allora credimi giochiamoci l’affetto tenero nel…

Perdere l’anima.di Sergio Borghi

Ho perso l’anima ho perso l’anima al gioco dilapidati desideri finiti nel rogo del gioco stupido della vita ! Morso dal cancro del vizio solidi affetti ho bruciato tesori di vita distratto ! Tenere amicizie dedicate  esclusivi incanti aborriti Desidero soltanto l’effimero squallido sorriso delle nuvole contorni per favole incantate Mi gratificano insolente insipide anguille…

Illusione. di Sergio Borghi

….guardavi un punto lontano mentre ti parlavo ma non ho capito se ascoltavi o no non è importante credimi quanto dicevo quanto provavo piuttosto  e volevo dirtelo volevo lo sapessi intanto ma non hai sentito

Dentro un abbraccio.di Sergio Borghi

dentro un abbraccio ho stretto il tempo senza fine lento scambio profondo rubandosi dentro d’insolito consenso Un bacio Ho preso e dato quanto volevo dire là dentro ho detto Struggenti parole prive di senso che suggeriva il cuore tremore dei sensi intorpidito incanto

Relitti di pensieri. Di Sergio Borghi

D’in fondo al mare sorge la luna e torna alla spiaggia manda con la marea l’onda Resti di pensieri rotolano stanchi di vivere ancora Formano gorgo allo scoglio Gira il pensiero a lungo in tondo concentrico vortica ripete e manda Intimo infine diventa dei sensi vertigine Sorriso perso d’irresistibili nuvole aperte nella libidine tra soffici…

Ho seminato parole… di Sergio Borghi

Ho seminato parole nel solco predisposto crescerà l’ansia con loro ! Mi leggerà nel butto verde delle delicate primizie ? Invecchierò semmai col frutto aperto al sole prelibato ma sempre rimarrò incantato ! Allora capirò a che serve il fiore il profumo, il colore dell’istinto sempre disposto Ho coltivato delle parole il seme chissà quando…

Sentimenti liquidi.       di Sergio Borghi

per conoscermi dentro intima-mente Eternamente torbidi ma liquidi sentimenti distillano strani dal grembo della notte Colmano caldi tazze di cristallo Offerte per il giorno  a venire nuovo si ma misterioso comunque Segretamente attese invocano palpitanti devozioni d’affetto solennemente assurde per piccole foglie  teneramente rosa è lì che mi puoi cercare se cerchi il tempo per…

Passione.       di Sergio Borghi

Tremanti ricongiungono quello che matrigna la natura ha diviso ……. confondendo i destini Pallide le voglie fremono cercano reciproco il frutto per vincere la fame Toglie fame e sete  tra i boschi incantati l’amore pallida apparizione diafana per digiuni antichi dimenticati Scatena ripensamenti postumi per menti astratte nuvole cercano furtivi motivi trovano passione soltanto

Promesse mancate        di Sergio Borghi

non si possedettero quell’estate si desiderarono soltanto covando i giorni nella tenerezza fiorivano promesse con l’ibisco senza sosta l’una dietro l’altra tre giorni dopo erano assecchite la prima acqua d’agosto stinse l’indirizzi che s’erano scambiati

Temporale rapido.      di Sergio Borghi

Astio dentro la natura contro cresce selvaggio nutre il contrasto Tragico il paesaggio  l’umana natura inquieta incompiuta rimasta araba irsuta Esala profumi Il temporale rapido nero tra fulmini verde l’arancio allappa Mozia di fronte  languida sottile piange punico il destino nello stagnone salso Appassiti tarchiati vitigni di grillo corrono in filari attorno tagliente di scogli…

Amore per dire…       di Sergio Borghi

e se invece fosse la via dell’inferno lastricata ? Se il vuoto corre nel vento invano baraccone da circo di clown pieno ma cos’è poi strana questa parola che rima con languore ? a che serve sperare nelle meteore solcano il cielo e spariscono eppure esiste chi crede nel destino chiamano amore strano l’affanno forse…

Domani.                di Sergio Borghi

quando vedo il sole quando vedo partire spero sempre nel giorno che sta per venire gli istanti spariscono dietro l’Elba col sole spariscon le ore spariscono i giorni sparisce l’amore Non tornerà domattina insieme col sole le son venuto a noia finalmente ha smesso di sognare se torna ancora lo giuro di nuovo mi farò…