LA RAGAZZA.di Giulio Piero Baricci

8* Puntata ( finale)

Il guardiacaccia Maso, quella volta, se la vide davvero brutta. Gli amputarono la gamba sinistra all’altezza del ginocchio e la scampò. In seguito raccontò di essersi ferito da solo per un colpo partito accidentalmente dal suo fucile. I contadini non ne rimasero troppo convinti e anche la versione dell’unica testimone non fu mai molto chiara. Comunque nessuno indagò oltre. Solo Gosto del Talli, detto Rasse, un vecchio reduce della guerra d’Abissinia, provò, con coraggio e ironia, a ricostruire l’accaduto. – Se Maso s’è sparato da solo, dico io… chi ce l’ha porto all’ospitale di Torrita prima di finì scolato? La Morandina sarà anco una citta un po’ spéperina, ma ‘unnè di certo sorda né cieca… e nemmeno bugiarda! E lei racconta d’avé sentito prima i lamenti… e dico io… ci si pole lamentà prima del danno…? eppoi un grande botto, eppoi altri berci ancora… Dopo ha visto fuggì du’ òmini a cavallo. Ma, dico io… che di berci e di botti me ne intendo… un solo colpo di fucile pole avé fatto tutto quel popò di macello? No e poi no, dico io… so’ sempre pallini d’una cartuccia, ovvìa, mica pallottole de la mitragliera che s’usava noi con quei mambrucchi neri! Così, dico io… a scoppià devono esse’ state parecchie cartucce tutt’assieme, e le cartucce tutt’assieme, le teneva Maso e le portava sempre ne le tasche de’ calzoni! E allora… dico io… se ‘ste benedette cartucce gli so’ scoppie in tasca, gli si poteva stroncà una coscia, e no’ la norcola d’un piede… ovvìa! S’è ita così, Maso doveva avé per forza i calzoni calati a cacarella! E allora sotto la quercia del Moranda… che ci faceva Maso… mezzo gnudo? I su’ bisogni? E magari assieme a chi era con lui? No, no… per me ‘unn’è possibile… ovvìa, per me… siccome a Maso gli garbava cacciá le passere… balzella oggi e balzella domani, alla fine una l’ha chiappa davvero… una sì, ma senza penne e senza ali… e che cinguettava come un usignolo! Pol’esse’… dico io… che quei due, nello gnudassi a la svelta, si siéno intrecciati coi fucili… e che sia partito il colpo accidentale ch’è ito a centrà in pieno la tasca de’ calzoni calati a cacarella di Maso. E allora, dico io… ecco il grande tonfo, ecco il grande bercio e ecco il grande danno! Poi a la Morandina gliè parso di vedé du’ òmini a cavallo… ma, dico io… da ‘ste parti ‘un c’è anco una donna che si veste sempre da òmo e che va a caccia con Maso? E allora? E allora, dico io, ‘un mi fate parlà troppo… ovvìa, sinnò dico io per davvero! – Insomma, riguardo all’incidente delle Ferriere, nessuno fu mai certo di come fossero andate esattamente le cose, però tutti rimasero convinti che la versione di Maso zoppicasse molto più di lui. Dopo il fattaccio, Maso sparì per sempre da quelle zone e se ne andò a Roma a fare il portiere in un condominio. In giro si mormorava che il sor Elfo l’aveva licenziato in tronco, con una ricca buonuscita. Donna Tosca invece non abbandonò la sua vera passione e, trascorso un po’ di tempo, riprese a cacciare da sola. Dopo quel periodo di tregua, lepri, fagiani, beccacce e compagnia volante, rincominciarono a scappare dalla riserva più frequentemente di prima. Temevano il ritorno di donna Tosca e, in specie, la sua micidiale doppietta.La Morandina, forse per ingenuità o forse per lo spavento subìto allora, non si era resa conto di tutti i particolari del caso. A quell’epoca era ancora troppo giovane e innocente. Istintivamente pensò solo a scappare da lì. Invece, dopo qualche anno, e dopo aver preso marito, cominciò a capirci sempre di più, anche se, nel ricordare quei fatti, non ostentò mai la spudorata sicurezza di Rasse. Restò sempre un po’ indecisa. Col tempo, poi, e con l’esperienza, diventò meno dubbiosa e alla fine, di una cosa almeno, si sentì completamente sicura. I primi lamenti uditi nella lontana domenica d’agosto non somigliavano a un dolore e nemmeno a quelli di un uomo. Erano piuttosto gemiti di piacere, gemiti di piacere di una donna. Ora la Morandina lo poteva ben dire, ora non era più la ragazza che camminava per i grottoni, parlava con l’acqua e sognava il mare.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...